Ivan Granatino & Paky G | Intervista

Ivan Granatino nasce a Caserta nel 1984 e fin da piccolo inizia a muovere i primi passi nel mondo della musica grazie al padre, interprete di musica classica napoletana, che gli trasmette quella che è diventata poi una grande passione che si orienta sempre di più verso il rock e l’hip hop, tanto da intraprendere un percorso artistico personale che lo porta a creare un crossover tra questi due generi musicali. La sua formazione si divide tra corsi di canto, lezioni di musica e tanti provini in lungo e in largo per lo stivale.
Paky G, giovane trapper casertano, figlio d’arte (è nipote di Ivan Granatino) che con le sue sonorità trap mescolate alla melodia tipica della musica napoletana prova a restituire uno spaccato delle nuove generazioni. Il singolo “Vivono int o’rione” è proprio questo, un atto di identità per i ragazzi cresciuti con poche possibilità.

Abbiamo avuto la possibilità di intervistarli ed ecco le loro risposte:

-Cosa vi ha unito al mondo della musica ?

Ivan:
Sono stato incitati da mio padre facendomi sentire i primi pezzi che scriveva dedicandomi anche qualche testo, in seguito ho iniziato a collaborare con molti cantanti tra cui anche Paky G. Il quale abbiamo scritto una canzone il quale non ci aspettavamo avesse tutto questo successo.

Paky G:
Mi sono avvicinato al mondo della musica anche io grazie a mio zio prendendolo come linea guida, ma già a 13 anni scrivevo quale piccolo testo.

-Cosa volete fare per la nuova generazione ?

Ivan:
Cerco di dare il massimo per la nuova generazione un esempio è il concerto che c’è stato il 31 a piazza Vittoria a Napoli, facendo esibire i nuovi cantanti della nuova scena Trap – Hip-Hop, in modo da far parlare se stessi e divertendo il pubblico.

-Mentre tu che fai parte della nuova generazione che vuoi portare di innovativo?

Paky G:
Sempre musica nuova per far conoscere la storia di tutti noi.

-Cosa raccontate belle vostre canzoni ?

Paky G:
Nei miei testi racconto quello che mi è successo nella vita, i miei stati d’animo e tutte le storie che raccontano i quartieri dove sono nato.

-Che esempio dai ai tuoi fan?

Ivan:
Cerco di dare di dare sempre un esempio positivo in quanto influencer mi sento in dovere di mandare un messaggio positivo da mandare al pubblico.

-Come riuscite a gestire gli innumerevoli messaggi nei social ?

Ivan:
Personalmente rispondo alla maggior parte di loro perché mi sento in dovere di farlo, mi piace rispondere ai commenti e vedere i feedback che danno i miei followers. I social hanno dati un grande aiuto per quanto riguarda la visibilità ma ha dati voce a persone che non sono all’altezza.

-Il nostro Intervistatore Pasquale Martusciello con voce molto ironica – Mentre a te Paky G quante ragazze ti stanno contattando ora che sei famoso ?

Paky G:
Pochissime, non ci crederai ma pochissime, aldilà delle ragazze sto avendo un feedback positivo facendo numeri che non mi aspettavo di avere in così poco tempo.

Noi di ICIMA ringraziamo i grandissimi Ivan Granatino e Paky G per la loro disponibilità nel rispondere alle domande e ci auguriamo che il futuro gli riservi tante soddisfazioni.

Intervista a cura di : Pasquale Martusciello con il supporto di Michele D’onofrio.

Articolo a cura di: Giuseppe Mingione.

Share:

Rispondi

Free Edit by OArts
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: